Menu principale
Home
Chi siamo
Programma alimentare
Luoghi e orari incontri
Psicologia
Link amici
Login
Contattaci
Animamagra Training
Diario dell'incostante
Il problema
L'obbiettivo
La soluzione
Approfondimenti
Il gruppo
Piscologia di comunità
Psicologia Umanistica
Animamagra News
Ricette AnimamagrA
Le voci di AnimamagrA
Incontri AnimamagrA
Eventi AnimamagrA
Cerca con Google
Google
News
Home arrow Diario dell'incostante
Diario dell'incostante
SETTEMBRE

Iscriversi in palestra è facile, tutti siamo armati delle migliori intenzioni i primi giorni di settembre, abbronzati, tonificati dalle nuotate o dalle passeggiate in montagna, il nostro miglior proposito è quello di non perdere i risultati ottenuti, di mantenere la linea, di restare tonici.
Ci iscriviamo alla migliore palestra, scegliamo il programma più adatto e pieni di entusiasmo paghiamo la nostra ennesima iscrizione, magari in un centro fornito di piscina e sauna, oppure di splendide attrezzature cardio fit per non perdere l’abitudine al footing giornaliero.
Tutti conosciamo l’inebriante sensazione di essere “a posto”, di essere sani!
Quest’anno sarà quello giusto, ma che so’ scemo a lasciarmi andare?!

Spesso l’iscrizione trimestrale serve a stento a pagare le prime 4 settimane.

Poi una noia maledetta, la nemica numero uno della nostra autostima…lo stress di una giornata trascorsa in ufficio, la fatica di mille responsabilità, il peso del tempo iper organizzato, ed eccoci preferire il morbido divano, a gambe all’aria, armati di telecomando…o la telefonata distesi sul letto con l’amica… o, dulcis in fundo

la CENA

rilassante, scaricante, gratificante, socializzante, liberatoria, regressiva…che solo all’ultimo boccone, quell’ultimo boccone che ci coglie satolli, appagati, boccheggianti ma inebriati, ci infligge il colpo:
AHI! Non solo non sono andato in palestra ma ho anche strafogato.
E ora?! Come recuperare il Chilo in più di domani?
La sensazione è ovviamente che non ne valeva la pena e il senso di colpa è direttamente proporzionale al godimento provato.
La sensazione di non avere il controllo su di se è avvilente.
Domani in palestra ci starò il doppio…questo è il pensiero che ci culla verso il sonno, per poter dormire più tranquilli!

NOVEMBRE

Solitamente anche i più bravi di noi (i “non maniaci del fitness”, “gli incostanti del wellness”) a metà novembre hanno mollato completamente.

DICEMBRE

A dicembre il Natale ci ritrova già privi di freni inibitori.

GENNAIO

A gennaio abbiamo tutti dai 3 ai 5 chili in più.
Le nostre gambe sono ipotoniche.
Il nostro fiato non regge i 22 gradini del secondo piano.
La cintura ci va stretta e a capodanno non abbiamo potuto indossare il fantastico abito sexi dell’anno prima! (parlo ovviamente delle donne)

FEBBRAIO

Così a febbraio tentiamo di ritornare in palestra.
Giammai alla stessa di prima, ma che so’ scemo, quella non faceva al caso mio se no avrei continuato.
Un amico ci ha parlato di un nuovo centro in cui fanno yoga, flexible e posturale, un posto fico in cui puoi rilassarti in pausa pranzo, c’è anche appunto il centro relax con sauna, idromassaggio e bagno turco…così la sera invece di mangiare ti fai un frullatino e ti rilassi…
Ovviamente paghiamo una nuova iscrizione, un trimestrale, se la ragazza del servizio promozione non è così brava da prometterci uno sconto incredibile su un abbonamento annuale che ci regala il set tuta e scarpette e un omaggio bio-diet-eco al bar.

MARZO

A marzo solo l’idea di utilizzare la pausa pranzo per andare in palestra, cercare parcheggio, spogliarci, docciarci e rivestirci, ritornare nel traffico, a stomaco vuoto, e rimetterci a lavorare…

CI UCCIDE!

Ma chi se ne importa dell’abbonamento annuale! In quella palestra non ci rimetterò mai più piede. Non faceva per me.

APRILE

Ad aprile la pancia è cresciuta, la cellulite è evidente, la faccia è gonfia, l’estate incombe.

Andiamo dal dietologo, quello che nostra zia ci consiglia, lei ha perso 5 Kili senza faticare.
Paghiamo 52,00 Euro e ci dà la dieta.
Giacchè andiamo anche dall’estetista, quella giovane che ha aperto da poco e facciamo un ciclo di massaggi drenanti e dimagranti.
Si paga tanto ma non dobbiamo fare proprio niente, fa tutto lei!

2 mesi così e già siamo ingrassati un altro chilo!

GIUGNO
Il nostro amico del cuore va in palestra sotto casa sua, è un po’ distante da noi, ma forse se ci va lui noi l’accompagniamo e così ci facciamo forza a vicenda.

Lì c’è anche il rowing lo spinning e l’afro dance, magari si rimorchia pure…chissà che non ci si diverta…se perdi un etto a vogata e uno a pedalata e poi vai a ballare il sabato forse in 2 mesi stai a posto.
C’è da pagare l’iscrizione, ma questa volta non ci facciamo fregare dal trimestrale o annuale, paghiamo certo una cifra mensile ma almeno se decidi di non andarci più ci guadagni!
Ormai non abbiamo più fiducia nella nostra resistenza.
Ci sentiamo stupidi e incapaci.
Rassegnati a soffrire.

AGOSTO
Aspettiamo le vacanze per iscriverci ad un centro benessere per anziani, o abbiamo saputo che al villaggio XY fanno la ginnastica in piscina tutte le mattine…oppure andremo a fare trekking in montagna o le magiche corroboranti nuotate tra gli scogli.

Abbiamo due settimane per rimetterci in sesto…

E poi a settembre

Si ricomincia!