Menu principale
Home
Chi siamo
Programma alimentare
Luoghi e orari incontri
Psicologia
Link amici
Login
Contattaci
Animamagra Training
Diario dell'incostante
Il problema
L'obbiettivo
La soluzione
Approfondimenti
Il gruppo
Piscologia di comunità
Psicologia Umanistica
Animamagra News
Ricette AnimamagrA
Le voci di AnimamagrA
Incontri AnimamagrA
Eventi AnimamagrA
Cerca con Google
Google
News
Home arrow Il problema
Il problema: l'incostanza

IL PROBLEMA: L'INCOSTANZA

Molti di noi hanno bisogno di seguire un regime alimentare dietetico o di fare uno sport con una certa regolarità, di prendersi cura di sé con costanza.

Ma a volte questo sembra impossibile.

Ci iscriviamo in palestra, andiamo dal dietologo, ci abboniamo ad un centrobenessere. Spendiamo ogni anno molti soldi e poi?

Molliamo!

Così ogni anno e ogni anno.

E’ il destino dei pluritesserati, con il portafogli pieni di tesserini e abbonamenti che hanno usato solo per pochi giorni.

In realtà non è il servizio che non va bene, e neanche noi stessi.

Quella era proprio la dieta giusta e quella la palestra adatta a noi. Ma la cosa difficile è capire come utilizzare ciò che abbiamo.

Noi siamo i custodi e gli artefici del nostro benessere psicofisico, ma molto spesso deleghiamo agli altri completamente la responsabilità della nostra salute, come se gli altri sapessero cosa va bene per noi.

Non è così.

Noi possiamo avvalerci delle consulenze degli esperti, farci guidare e consigliare, ma poi dobbiamo adattare quanto acquisiamo alle nostre personali esigenze, alla nostra personalità, al nostro stile di vita.

E’ inutile cambiare dieta o cambiare palestra.

L'esigenza di prendersi cura del proprio corpo nasce dalla ormai comprovata relazione che c'è tra il senso di benessere psicofisico, la salute e il livello della qualità della vita.

Oggi si parla molto di prevenzione anche perché la durata della nostra vita si è allungata ed è importante imparare a vivere bene a tutte le età.

Medici ed esperti del settore ci mettono in guardia sugli effetti dei ritmi stressanti e della vita sedentaria, consigliandoci di dedicare una parte del tempo libero in attività sportive e di fitness, di prevenzione o correzione di sovrappeso, ipotonia, rilassamento muscolare, disfunzioni cardiocircolatorie dovute spesso alla eccessiva inattività.

I Centri estetici e sportivi, di cura tradizionale o alternativa, sono tantissimi e all’avanguardia. Essi utilizzano un approccio globale che si prende cura della persona nella sua totalità, senza farla a pezzettini, ma considerandola nella sua interezza di anima e corpo.

Eppure molti fanno fatica a seguire la dieta, il programma della palestra, le indicazioni del medico, spendendo soldi ed energie per nulla, perché, andare in palestra un mese e poi mollare, non serve a niente, i massaggi, se dopo smetti, stai punto e a capo, la dieta, se dimagrisci, dopo ingrassi il doppio.

In altre parole, quello che ci serve e che va bene per noi esiste, ma a volte non sappiamo come usarlo, c’è qualcosa che ci frena, che sembra metterci i bastoni tra le ruote, e non è colpa né nostra, né dei servizi.

Quello che sembra mancare spesso è il rapporto umano: anche il programma più personalizzato purtroppo nasce da un primo contatto con le esigenze e le specifiche caratteristiche individuali, ma poi la persona viene un po’ abbandonata a se stessa.

Ho chiesto a molti centri sportivi, centri estetici e di dimagrimento, dietologi, se era previsto un supporto costante e uno scambio tra coloro che stavano svolgendo il programma. Ma le risposte sono state tutte negative.

Alcuni centri che si occupano di patologie invece hanno dei gruppi di terapia o di auto-aiuto: come al solito per avere un aiuto nella nostra società bisogna essere malati!

E i sani?

Che si ammalino, così avranno anche loro una valida assistenza.

Ma anche i sani pagano! E sono proprio i sani che hanno più risorse, più energie e più motivazione e fanno più tesoro dell’esperienza!